XX?

Eravamo  maliziosi, noi allievi della scuola elementare di Porcen. Tanto maliziosi da mettere in difficolt la Maestra Celestina. Capit anche il giorno di primavera in cui, sul noce di fronte alla finestra al primo piano dell'edificio (lato nord), si posarono due passeri innamorati, incapaci di trattenere la loro ardente passione perfino di fronte a un'intera pluriclasse! La Maestra fu subito chiamata per dare spiegazione di ci che conoscevamo benissimo: e cerc, in qualche modo, di sfuggire all'assedio. Ma una ragazza (forse non aveva capito la manovra diversiva della Celeste, la cara maestra Celestina Zasio) intervenne categorica: "Non sa, signora maestra, che se si vuole che dalle uova nascano i pulcini le uova devono essere ingalte? Quel filigt el drio ingalr parch sin dai ovi no nass i oselt"

( filigt=passero; dai ovi no nass i oselt= dalle uova non nascono gli uccellini; ingalr=accoppiarsi di gallo e gallina).

Solo uno dei tanti episodi che evidenziano l'interesse per la sfera sessuale anche nei ragazzi dei paesini che, d'altra parte, erano ben informati, essendo a contatto con una realt agricola in cui ogni famiglia aveva come attivit fondamentale l'allevamento non solo delle galline ma anche delle vacche; la vita e le vicende degli animali diventavano termine di paragone per le persone. I bambini assistevano ai parti aiutando i vitellini a nascere, collaboravano a condurre le mucche in estro al luogo della "monta taurina"; il povero toro che doveva soddisfare (pur se pagato!) tante clienti era presso la fattoria gestita dalla famiglia Cecchn (oggi azienda Villabruna, nei pressi del campo sportivo di Tomo).

Naturalmente queste condizioni di vita favorivano il fiorire di modi di dire e proverbi adeguati alla situazione reale.

La maggior parte dei detti e filastrocche (all'apparenza pesanti o addirittura volgari) di questa pagina,  dopo esser stati sentiti a casa o -pi spesso- da ragazzi pi anziani,  venivano tranquillamente gridati e ripetuti  -talvolta fino alla noia- dai ragazzi che a Porcn frequentavano le elementari, in particolare le "elementari superiori", cio il "piano alto" dell'edificio con l'aula pluriclasse  IV e V;  al pian terreno stava la pluriclasse dei "piccoli" di  I, II e -talvolta- III.

 

 

 

 

 

Carne che se destira

no la val  na lira

ma co la ben destirda

no ghe n oro che la paga!

 

(Carne che si dilata val poco, ma quando ben dilatata non c' oro che la paghi! Veniva maliziosamente  recitata dalle signore porcenesi che (probabilmente) alludevano alle prestazioni di mariti, morosi, amici)

 

 

 

 

La  luna  la  ls

el  cul  l  n  bs

e  chi  che  no  crt

mte  entro  n  dt

 

 (La luna brilla, il culo ha un buco e chi non crede ci metta un dito (Sempre pesci in faccia agli sfortunati non credenti!) Cantilena assai nota, usata talvolta addirittura come ninnananna dai fratelli pi grandi che speravano di riuscire a far addormentare in fretta i pi piccolini)

 

 

 

 

Vatu   al   bero?

 oppure

Vatu   al  toro?

 (Vai al becco? oppure Vai al toro? in altre parole hai voglia di far sesso? Veniva riferita indifferentemente a maschi e femmine)

 

 

 

 

    - Mi   so    n   nt  de  boarla

con  do  ovi  e  na  pistla!

 

 - E  mi  ghen   so   un  de  merlo  gato

        che  con  tre  spane  te  lo  cato!

 

(-Conosco un nido di ballerina bianca (boarola) contenente due uova e una pistola -E io ne conosco uno di merlo "gato" e te lo posso trovare con tre spanne)

Uno degli impegni pi interessanti per i ragazzini porcenesi  dopo l'arrivo della primavera, era la cerca dei nidi di uccellini. Lo scopo era assai vario: chi sperava di allevare un fringuello o un merlo o un cardellino, chi si mangiava (con la piena collaborazione della famiglia, naturalmente) i poveri nidiacei prima della loro fuga dal nido, chi infine voleva accrescere le proprie conoscenze ornitologiche;  in ogni caso il cercatore di nidi acquistava un prestigio, presso i compagni, direttamente proporzionale al numero di nidi scoperti. Qualcuno per si prendeva gioco degli amici raccontando la storiella del nido di boarola, ma trovava subito pronto chi ne raccontava un'altra ancora pi avvincente, e dava pure la dimostrazione del percorso che permetteva di rintracciare il nido: le tre spanne venivano misurate a partire dal naso, e gi verso il basso. Ovviamente il nt  de  boarola e il nt  de  merlo  gato coincidevano. Il merlo gato                                                                               giustificato dalla rima con cato.

 

 

 

  

Mdo entro e mdo fora

parch le pigore no le mora

 

 (Questo detto  ricorreva  spesso nei discorsi degli over40  porcenesi, preferibilmente maschi, col significato di "non esagerare"; doveva per provenire da altre zone, o da tempi pi lontani, perch non ricordo che a Porcn fossero allevate pecore)

 

 

 

 

 

Piant  brut

pancia  bela!

 

(Una brutta pianta (di mais) ha una bella pannocchia, cio un uomo non bello ben fornito in altri campi...  il che compensa ampiamente! Veniva citata spesso dal simpatico Ernesto)

 

 

 

 

 

 

Fghe  la spa al vecio

fghela  col  butro

 che  no ghe  salte el tiro

 chel se torne a maridar!

 

(Fai la zuppa per il vecchio, fagliela col burro, perch "no ghe  salte el tiro" e torni a risposarsi. Che  no ghe  salte el tiro:  ma ... avevano scoperto il viagra oltre 50 anni fa?)

 

 

 

 

An  n  el    bn

fin  che  el    bn

de  sofirse  el  nss

(Un maschio "efficiente" fintantoch riesce a soffiarsi il naso  Battuta un po' ... viscida, imparata da Ferny)

 

 

Man forsta mda festa

(Se non la solita mano una mezza festa!)

 

 

Pec de mona    dio perdona

pec de sega   el se ne frega

(Se fai sesso con una donna dio ti perdona; se lo fai solitario, se ne infischia; sesso=peccato, l'antico assioma della religione cattolica; era comunque pronto il perdono, nel primo caso, dato che poteva essere all'origine di un "incremento demografico": sempre un affare per la Chiesa.   Questi due ultimi detti sono probabilmente  tipici della zona di Fonzaso. Da Clelia)

 

 

Vrda che 'l' incro!

(Bada bene che quello "assai prestante"; incro (=intero) si diceva di un maschio che presumibilmente non aveva mai fatto sesso con una donna, quindi doveva essere pi che mai voglioso e irruento)

 

Le fmene le come i prsech: ghe n' che se cn, ghe n' che se assa

(Le donne sono di due tipi come le pesche: ci son quelle che "si tengono", ci sono quelle che "si lasciano"... I prsech che se assa: la loro polpa si stacca facilmente dal nocciolo (pesche spiccagnole); i prsech che se cn: sono caratterizzati dalla polpa che aderisce saldamente al nocciolo. Il detto veniva spesso ricordato da Caporl.)

 

 

PLURICLASSE54

TORNA

TORNACASA