Meteo!

Le vicende meteorologiche erano tra gli argomenti pi gettonati dai detti popolari. L'esperienza ha giocato, nella costruzione di queste massime, un ruolo fondamentale; molte di esse sono nate da una sistematica osservazione del susseguirsi degli eventi meteorologici: hanno perci una parvenza di fondamento scientifico e quindi una validit anche attuale. Naturalmente intervenivano poi altri fattori "estetici" (rime, assonanze, ecc) a rendere pi piacevoli ( e un po' meno attendibili) i detti.

Fulmine su Venezia Secca

El cambi tams

(Ha cambiato setaccio: cambiato il tipo di neve, da piccoli grani a larghe falde o viceversa)

 

 

 Co la  gnn  su  la  fhja

la se cva la ja

(Quando nevica sulla foglia si leva la voglia (foglie non ancora cadute dagli alberi, cio se la neve cade in anticipo: fine ottobre - inizio novembre); ma "si leva la voglia" perch non nevicher pi, o perch ne far ancora tanta? La versione universalmente accettata la prima. L'esperienza dell'autunno-inverno 2005/2006 avvalora la seconda)

 

 

Co la resta tacda sule piante

el ghn fa 'ncra

(Quando (la neve) rimane attaccata agli alberi, ne fa (presto) ancora)

 

 

El da fhrghen 'ncora tanta

fha i candelt

(Deve farne ancora tanta quanto l'altezza dei "candelotti": le stalattiti di ghiaccio (candelt) appese alle grondaie davano la misura dello spessore della successiva nevicata)

 

 

El gofhola

(Sta gocciolando: inizio di una pioggia pi o meno intensa)

 

 

El scaravafha

 (Piove molto intensamente; scaravfh  l'acquazzone. Equivale al seguente)

La gnn d a sce revrse

 

 

El caliva

(Pioviggina; calvo (calu) anche la nebbia che precipita in goccioline, talvolta anche la foschia)

 

 

El  fholischa

(Cadono leggeri (e radi) fiocchi di neve. Folsca un leggerissimo fiocco di neve, che cade in genere all'inizio della nevicata, con temperatura molto bassa; per traslato indica anche persona minuta, leggera, delicata)

 

 

El balina

(Cade neve a forma di pallini. Si verifica quando la precipitazione, trasformata in acqua attraversando strati con temperatura mite, rigela nello strato d'aria pi freddo vicino al suolo)

 

 

El carga!

(Si sta caricando; le nubi stanno diventando sempre pi imponenti)

 

El not bo

(E' buio pesto)

 

 

Co la gnn

la gnn dal Brn

(Quando a Porcn piove tanto, la pioggia arriva da Sud. Il Bren un torrentello che scende dalle pendici del Tomatico  (Val de Tna) a sud del paese, e attraversa il centro, naturalmente "intombato". In varie occasioni, ingrossato a dismisura, esondato trascinando grandi quantit di detriti)

 

 

 Co la  gnn  dal marnff

el ghn fha tanta

(Quando viene (la neve) dall'Adriatico, ne fa tanta)

 

 

 Co la  gnn  dala marina

la fha bina

(Equivale al precedente. Bina: raccolta, mucchio)

 

Co 'l tca ale nove

o ch'el s'cira o ch'el pive

(Quando comincia alle nove, o vien bel tempo, o continua a piovere)

 

A Santa Luca/el frt el se inva

a Santa Agnese/el va su par le fhise

se nol cta le fhise fhte/el va su par le culte

(A S. Lucia (13 dicembre) inizia il freddo; a S. Agnese (21 gennaio) corre sui cespugli, e se non li trova tagliati sale fino alle cosce. Se i cespugli non sono tagliati mancher legna da bruciare con cui scaldarsi, e il freddo prender perfino le cosce; penso si possa interpretare cos. Ricordato da Fedora e Lucio)

 

 

Fheverf   fheverf  pdo de tut

(Febbraio piccolo febbraio, il peggiore tra tutti!)

 

 

 

De fheverr

la fa solr.

A  mrfh

  la   va  che la  rfh

(A febbraio la neve diventa dura come un pavimento, a marzo se ne va che brucia (talmente elevata la rapidit con cui si scioglie))

 

Gnanca l' u no l' stat bn de magnr l'invrn

(Neanche il il lupo (con la sua proverbiale fame)  riuscito a mangiare (avere ragione del)l'inverno: se non riuscito lui, cosa potremo fare noi per evitarlo? allora rassegniamoci e sopportiamolo.  Da Valerio)

 

 

Qul che para dal frt el para anca dal clt

(Gli indumenti che proteggono dal freddo riparano anche dal caldo)

 

 

 

 Co  l  Tomdec  el    la  fhintra

la piova   l    sigura.

Co  l  Tomadec el l capl

el  temp fha bl

          (Quando il Tomatico ha la cintura la pioggia sicura, quando il Tomatico ha il cappello il tempo fa bello. La "cintura" rappresenta un sottile strato di nubi, addossate al monte (visto da Feltre) a una quota di 800-1000 metri circa, in modo da lasciare libera e ben visibile la parte di monte che sta pi in alto. Il "cappello" invece una nube addossata alla parte alta del monte, in modo da renderla non visibile)

 

 

Co  l  Tomadec  el   l capl

parcia   lombrl

(Offre una versione alternativa alla seconda parte del precedente detto: quando il Tomatico ha il cappello prepara l'ombrello  ( e fidati dei proverbi!))

 

 

Co la luna crss

el fhrt el cala

(Quando la luna cresce, il freddo diminuisce. Naturalmente vale anche il simmetrico co la luna cala, el fret el cress)

 

Cuando el cuc el canta a rama nuda

par tuta l'ist aria cruda

(Quando il cuclo canta prima che siano spuntate le foglie, l'aria sar pungente per tutta l'estate. Ricordato da Valerio, che lo sent da Nando)

 

Luna sentda, marinr in pi

(Quando  la luna seduta, il marinaio deve stare in piedi. La luna seduta quando ha la parte concava rivolta verso l'alto; in questa fase il tempo dovrebbe essere cattivo, quindi i marinai in allarme)

 

El vnt no gista 'l tnp!

(Il vento non porta bel tempo; il miglioramento portato dal vento sar solo temporaneo)

 

 

El tnp va senpre bn,

piantr piante o secr fhn!

(Il tempo lavora sempre bene: trapiantare piantine o seccare fieno. Questo detto significativo delle capacit di adattamento e sopportazione, e anche di rassegnata accettazione del destino. Pensate un po' allo spirito di un agricoltore e dei suoi collaboratori che, dopo giorni di intenso lavoro sotto il sole bruciante, vedevano il fieno secco inzuppato da un improvviso violento acquazzone: non restava loro che una mesta rassegnazione dissimulata dall'accettare gli eventi con filosofia, oppure "tirr na rla de bestme. Il detto mi stato ricordato da Fedora, e l'avevo sentito migliaia di volte!)

 

 

Vrda come che 'l sbia el srgo

(Guarda quanto soffre la siccit il mais! Quando le piante sbiano (cio zufolano a causa della sofferenza) per l'azione del sole cocente e la mancanza di acqua nel terreno, le foglie appassiscono e si afflosciano, diminuendo cos la superficie radiante: le piante sembrano appassite)

 

El ala remta del sol

(E' sotto il sole battente)

 

La piva  de  Beln

no  la  bagna    gnessn

e  co  la  gnn  da le  Vte

 no  la  bagna  gnanca  le  tete

(La pioggia proveniente da Belluno (Est) non bagna nessuno, e quando vien dalle Vette (Nord) non  bagna neanche il seno. Effettivamente le precipitazioni pi intense arrivano a Porcn dal settore Sud-Est / Sud-Ovest)

 

Dopo la piova gnn el sol!

(Finita la pioggia torner il sole! Apparentemente cos ovvio da sembrare banale, il celebre detto rappresenta un messaggio di speranza; se la pioggia vista come l'elemento negativo, questo sar necessariamente seguito da uno positivo. Sfuggitomi nonostante la sua fama, mi stato ricordato da Giuliano

 

Se  'l    'n temporl  msc'io el passa e nol torna p indro,

se 'l    fhmena el  pol  gnr  'ncra  do tre  lte

(Se un "temporale  maschio", passa e non ritorna indietro, se invece un "temporale femmina" pu tornare ancora almeno due/tre volte. Un temporale del primo tipo associato al rapido passaggio di un fronte freddo; nell'altro caso le condizioni del tempo favoriscono, in una zona in cui persiste un vortice che porta l'aria in alto, la continua formazione di nubi cumuliformi che provocano in successione l'ondata di temporali. Imparata dallo zio Bepi)

 

Co le fhesle e i sbri i svla bassi

el sta pόc a piver

(Quando le rondini e i rondoni volano bassi, tra poco piover)

 

 

El dro rivr an bl sdri

(Sta arrivando un forte acquazzone)

 

 

Piva  de  ist

  beati  chi  la 

(Pioggia d'estate, fortunati quelli cui arriva)

(L'agricoltura era attivit fondamentale, in grado di permettere la sopravvivenza di  centinaia di persone anche nell'antico Porcn; una benefica pioggia estiva era quindi portatrice di "benessere" e perci fortunati i proprietari dei terreni su cui cadeva)

 

 

 Se l pive assa  piver

 ti sta entro e no te mover

(Se piove lascia piovere, tu rimani in casa, non far viaggio)

 

Se 'l pive 'l d de san Gorgn

ste brentne e 'n brentann

(Se piove il giorno di S. Gorgone (9 settembre), far sette piene e una piena rovinosa)

 

     riv  la  mort  dei  kk

(E' arrivata la fine per i "kk". E' arrivato il freddo.   Il kk sarebbe  un uccellino migratore che non sopporta il freddo, e se ne sta per lo pi immobile sulla postazione; la frase alludeva alle persone abituate a fermarsi per chiacchierare, in drappelli, nelle piazze e lungo le vie, costrette  a tirar dritto per non rimanere intirizzite, all'arrivo della prima ondata di  freddo intenso)

 

 

 

Se nol piove su le palme

el piove sui ovi!

(Se non piove la domenica delle Palme, piover a Pasqua!)

 

 

 

-El piove!

 -El piovst anca sot de me nono

(-Piove! - E'  piovuto anche al tempo di mio nonno. Se piove non certo una novit (a Porcn, almeno))

 

 

Santa Barbara benedta

vrdeme dal tn e dala sata

(Santa Barbara benedetta, proteggimi dal tuono e dal fulmine!)

 

 

Santa Barbara e san Simn

vardme  dala   sata  e anca dal  tn

(Santi Barbara e Simone, proteggetemi da fulmini e anche dai tuoni)

 

Senti 'l diul che bra su le scudle!

(Senti il rumore fatto dal diavolo che lava le scodelle! Si tratta invece del cupo brontolo del tuono; non bastava la paura del temporale: ai bambini bisognava metterne ancora di pi)

 

Se el piove el d dela Snsa 

par quaranta d el se pensa

(Se piove il giorno dell'ascensione, si ricorda (di piovere) per quaranta giorni

 

La so mre de san Piero: ste d prima e ste d dopo

(E' la madre di san Pietro: sette giorni prima e sette giorni dopo il 29 giugno. Nella fase di ingresso della piena estate, spesso il tempo incerto e si verificano violenti temporali: la responsabilit veniva attribuita alla madre del capo degli apostoli, scatenata per quindici giorni)

 

Chi  no  sa  de luna  no  varde  luna!

(Se non conosci gli effetti della luna, non preoccuparti, fa' finta di niente: chi non sa di luna, non guardi luna)

 

 

Anci  el    ft  cardnfa

 (Oggi il tempo, nonostante minacciasse pioggia, stato discreto; oggi ha fatto credenza, si limitato a produrre degli innocui cumuli; ricordo che un grosso cumulo temporalesco veniva chiamato "cardenfn", grossa credenza; come dire: oggi si limitato a produrre grossi cumuli, ma senza precipitazioni))

 

 

 - Come lo  el  tmp?

- El va e el gnn  come el  mal de pnfha  dele  fhmene

( -Com' il tempo? -Va e viene come il mal di pancia delle donne )

 

 

- Sa  fhlo  el   temp?

-El    dro  trse  su

(-Che cosa fa il tempo? -Si sta rimettendo al bello)

 

 

El s'cira  (el se t  su)

(Torna il sereno. Anche qui s e c non formano un unico fonema (come in sciare), ma si pronunciano separati: s'cira)

 

 

El lfha 'l cl a sera

(Alza il culo a sera; Leopardi avrebbe detto: "Ecco il sereno    rompe l da ponente alla montagna  ...".  Il fronte compatto (La tempesta leopardiana) si allontana verso est, e si comincia a intravvedere, a ponente (sera), il cielo sereno. L'immagine dialettale associa la fine del temporale a una persona che ha fatto i propri bisogni)

 

 

El  sol  l'  'ndt  dό tel  sc!

(Il sole tramontato nel sacco; il sole tramontato non sulla linea dell'orizzonte, ma su una nube che copre l'orizzonte a ponente; nube che annuncia la pioggia che verr)

 

 

Lόnc sc, lonc mόi

(Lungo  secco, lungo  bagnato: un lungo periodo siccitoso sar seguito da un lungo periodo di pioggia)

 

O massa sc, o massa mόi

(O troppo secco, o troppo bagnato.  Il tempo non conosce la moderazione)

 

 

- Se l  temp el stsse ...

- Se l  tempestsse!

(-Se il tempo rimanesse (bello) come ...  -Se gradinasse!  Gioco di parole e di accenti che nasconde un conflitto generazionale: il vecchio preoccupato di non riuscire a riempire il fienile con ottimo foraggio;  il giovane spera in una bella grandinata che permetta di evitare le fatiche della fienagione. Imparata dal Coco (Fastro), compagno di scuola negli anni '60)

 

 

TORNA

TORNACASA